Family Day

E’ arrivato. Ci siamo stati. Ed è stato bellissimo.

Tante intere famiglie, con tanti ragazzini e nonni al seguito e non parlo solo dei “nostri” nonni. Siamo rimasti colpiti da questo pubblico straordinario che con l’ingenuità propria del popolo quando si ritrova unito da un’idea, da una voglia di dire “ci sono” tende a trasformare il momento dell’incontro in una festa. E a un festa si canta, si parla, si ride e si mangia (quanti scartoccini di leccornie ho visto aprire e quanti biscotti e pezzi di pizza sono stati scambiati con vicini mai conosciuti, ma già fratelli per il solo fatto di trovarsi accanto a te…).

Questo 30 gennaio è stato totalmente diverso dalla manifestazione del 20 giugno. Allora furono significativi gli oratori. Molti erano là per capire, per informarsi, per convincersi. Questa volta no. La maggioranza è stata là per dar corpo a un’idea già condivisa e in sé ben radicata dalla quale non sente di poter decampare.

E questo devono avvertire i politici che devono affrontare il percorso politico di questa legge che i tanti che erano presenti e i tantissimi che sono alle loro spalle in perfetta sintonia, non vogliono.

Per condividere andate a vedere il video dell’evento Family Day 2016: Il video integrale della manifestazione al Circo Massimo.